Decidiamo Insieme

La conoscenza è la speranza di ogni essere umano

Alla scoperta del Sentiero degli Dei

La Costiera Amalfitana, si sa, è famosa per i suoi paesaggi. Si tratta di una location perfetta per scattare foto panoramiche, e alcune delle migliori si possono ottenere se ci si infila un paio di scarpe comode per percorrere i circa 10 chilometri del cosiddetto Sentiero degli Dei.

Per tranquillizzarvi, vi diciamo subito che il tracciato è in leggera discesa e si può percorrere senza fretta in poco più di 3 ore: l’unica raccomandazione è non soffrire di vertigini. La partenza è a Bomerano, frazione del comune di Agerola, che probabilmente avrete già sentito nominare in relazione al suo fantastico fior di latte (acquistatene un po’ prima di partire: sarà un ottimo elemento per un delizioso pranzo al sacco). Qualcuno, in realtà, decide di aggiungere al percorso canonico anche un altro tratto, e parte da Vico Equense compiendo un dislivello di circa 440 metri (per arrivare a Bomerano), ma si tratta di un’integrazione del tutto facoltativa.

La meta per tutti è la piccola Nocelle, frazione della più nota Positano, che si può raggiungere (quella sì) al prezzo di una faticosa scalinata, ottima per farsi venir fame e poter mangiare di gusto le specialità locali, quali gli scialatielli ai frutti di mare o gli gnocchi alla sorrentina. Da Positano è inoltre possibile partire per Amalfi, via traghetto, ammirando la costiera dall’altro lato: quello del mare.

Se potete, andateci in estate: avrete la possibilità di condividere il Sentiero con i contadini (e i loro muli) che percorrono il Sentiero perché è ancora oggi la via più breve per collegare le frazioni. Partendo non vi sarà sfuggita la targa che ricorda una famosa citazione di Italo Calvino: questo tracciato ha ispirato artisti, poeti e letterati, ma è anche quanto di più popolare ci possa essere. Camminare per credere.

Avete voglia di scoprire altri itinerari italiani inaspettati? Expedia.it ha redatto una lista di 18 giri turistici perfetti per chi vuole saperne di più del nostro Paese. Quale sarà il vostro preferito?

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.