Decidiamo Insieme

La conoscenza è la speranza di ogni essere umano

Don Reno in pasta di zucchero: cosi è stato festeggiato il sacerdote

Cecina Rosignano: Bella festa

Don Reno Pisaneschi è stato festeggiato in modo speciale per il suo compleanno infatti si è ritrovato sulla torta realizzata da amici e parrocchiani per festeggiare i suoi settant’anni da sacerdote; sulla torta realizzata per lui c’era riprodotta in pasta di zucchero la sua figura. Così don Reno Pisaneschi si è ritrovato sulla torta realizzata da amici e parrocchiani per festeggiare i suoi settant’anni da sacerdote al termine del pranzo dopo la messa del 17 giugno celebrata in duomo. Una sorpresa graditissima dall’anziano sacerdote, benvoluto da tutto il paese che da anni segue i suoi sermoni e le sue messe con grande affetto e attenzione.

Usanza diffusa

Ormai l’utilizzo della pasta di zucchero per creare veri capolavori di arte pasticcera è un vero diktat; anzi una vera materia di studio e una qualifica specifica nel comparto delle preparazioni culinarie; ovvero il cakedesign; veri professionisti della torta e delle decorazioni, ma non solo, con la pasta di zucchero vengono create vere sculture commestibili cosi perfette e rassomiglianti ai soggetti ai soggetti ai quali si ispirano, che apre un peccato poi consumarli durante le feste a loro dedicate. Un modo di decorare i dolci che ha le sue radici in America dove c’è una vera e propria tradizione della decorazione dolciaria, quasi un cult, tramandato dai più noti pasticceri d’oltreoceano.

La pasta di zucchero strumento primario dell’arte pasticcera

La pasta di zucchero oggi è facilmente realizzabile anche in casa ma vi sono store online dove si può trovare dell’eccellente pasta di zucchero già pronta, uno di questi è: simielecakedesign duttile e armoniosa questa pasta rende ogni dolce uno spettacolo per gli occhi oltre che per il palato; ne sa qualcosa il nostro Don festeggiato con una bella statua a sua immagine. Pare inoltre che cimentarsi con la pasta di zucchero sia anche molto divertente…provare per credere.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.