Decidiamo Insieme

La conoscenza è la speranza di ogni essere umano

Caldaia a condensazione: come funziona?

Conoscere il funzionamento di una caldaia a condensazione ci aiuta a capire come mai riesce ad offrire un maggiore rendimento. Questo però non deve assolutamente spingerci a fare “auto manutenzione” per queste cose è bene rivolgersi sempre a specialisti del settore come il personale di assistenza beretta Roma: la caldaia non è un giocattolo e la sicurezza personale non ha prezzo.

Più calore e risparmio con la caldaia a condensazione

La caldaia  a condensazione rende di più rispetto alle caldaie tradizionali perché è progettata per sfruttare la maggior percentuale del calore contenuto nel vapore acqueo dei fumi di scarico che, normalmente, viene sprecato. Il vapore, che viene “generato dal processo di combustione in una quantità di circa 1,6 kg per metro cubo di gas, si disperde a 140/150° nelle caldaie ad altro rendimento contro i 200/250° delle tradizionali”.

Le caldaie condensazione, in questo modo, recuperano il calore che corrisponde a circa l’11% del combustibile utilizzato. In questo genere di caldaie i fumi “rilasciano il loro calore all’acqua di alimento. In questo modo di raffreddano raggiungendo la temperatura di 40° (contro i 150/250° delle caldaie tradizionali) e tornano allo stato liquido”.

Le prestazione delle caldaie a condensazione

Il rendimento caldaia si valuta tenendo conto di due caratteristiche: quantità di energia estraibile dal combustibile e  calore latente (quello dei fumi). I modelli più attuali, che applicano tecnologia d’avanguardia possono raggiungere prestazioni pari al 105/109% rispetto alle tradizionali che si attestano attorno al 90%.

Vi state chiedendo com’è possibile raggiungere rendimenti superiori al 100%? Per i combustibili fossili viene fissato un potere calorifico inferiore e uno superiore. Quello inferiore corrisponde alla percentuale di calore utilizzabile senza considerare i gas di scarico. Quella superiore, invece, tiene conto della condensazione del calore contenuto nel vapore acqueo. Ecco perché si ipotizza un rendimento superiore al 100%. I risparmi di una caldaia a condensazione si attestano attorno al 15/20% per fornire acqua a 80°.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.